Effettuato con

Appendice
Questa pagina è disponibile in EnglishFrançaisDeutschItalianoEspañol日本語
Appendice

Tipologia di dischi ottici

Al presente i programmi AVS4YOU supportano tre tipi di dischi ottici disponibili per utenti. In questa sezione trovate la descrizione di questi formati. Con l'apparizione degli altri tipi dischi e formati verrano aggiunte le informazioni corrispondenti.


Dischi compatti

Un disco compatto audio digitale (CD-DA - Digital Audio Compact Disc) fu introdotto sul mercato musicale nel 1980 dalle aziende Philips e Sony come un'alternativa alle registrazioni di vinile e ai nastri magnetici. Nel 1984, Philips e Sony estesero la tecnologia, fu introdotto un nuovo formato Data Compact Disc (CD-ROM) per la memorizzazione dei dati generici.

Il disco compatto ha notevolmente cambiato il modo di ascoltare la musica e di gestire le informazioni elettroniche. Con la capacità fine a 700 megabyte di dati o 80 minuti di audio ad alta qualità, il disco compatto ha rivoluzionato la distribuzione delle informazioni elettroniche di ogni sorta.

Nel 1990, Philips e Sony estesero la tecnologia ancora una volta e il disco compatto diventò riscrivibile (CD-R). Prima dell'introduzione della tecnologia CD-R, i dischi compatti furono prodotti per stampa con appositi macchinari industriali usando un disco campione preregistrato. Oggi, i dischi compatti si ottengono per moltiplicazione quando si richiede una grande quantità. Per i volumi minori (fino a 500 copie o più, a seconda della locazione e dei produttori sul mercato), creare un campione per i propri dischi usando i dispositivi di scrittura dei dischi compatti disponibili può essere notevolmente meno costoso.

Prodotto per stampa con appositi macchinari industriali oppure per "masterizzazione" con registratori, il disco compatto può teoricamente essere letto da qualsiasi unità CD-ROM disponibile. In realtà, alcuni lettori CD e lettori multimediali a buon mercato non lavorano bene insieme. Il disco stampato e il CD-R si differenziano solo per la struttura fisica. Il primo è coperto di uno strato riflettente di alluminio che da un colore argenteo tipico. L'ultimo è coperto di uno strato riflettente sotto uno strato fine di colorante (i colori variano da blu, argenteo, verde, ecc).

Nel 1997 Compact Disc ReWritable (CD-RW) – un formato disco ottico riscrivibile - fu introdotto. Mentre un disco compatto preregistrato è un disco di policarbonato con un foglio metallico sul quale vengono memorizzate le informazioni, un disco CD-RW contiene uno strato di incisione di lega di argente, indio, antimonio e tellurio. Un laser infrarosso viene usato per riscaldare e fondere lo strato di incisione cristallizzato in uno stato amorfo o di calcinarlo a una temperatura più bassa per ripristinare il suo stato cristallino. La riflessione differente delle aree ricevute fa apparirli come "buchi" e "terre" di un disco CD preregistrato. Un registratore CD-RW può riscrivere 700 MB di dati su un disco CD-RW, quasi 1000 volte.

Il disco compatto contiene blocchi (o settori) di 2352 byte ciascuno, che vanno dal centro al diametro esterno. Il blocco con l'indirizzo logico 0 (inizio del disco) è situato vicino al centro del disco; l'ultimo blocco (fine del disco) è situato vicino al bordo esterno del disco.

Di solito sono disponibili i dischi vuoti di dimensioni seguenti:

  • 21 minuti = 94500 blocchi
  • 63 minuti = 283500 blocchi
  • 74 minuti = 333000 blocchi
  • 80 minuti = 360000 blocchi

[Torna all'inizio]


Dischi digitali versatili

Nel gennaio del 1995, Sony fu la prima a presentare la tecnologia del disco versatile digitale. Tre settimane dopo Pioneer, Time Warner e Toshiba introdussero la loro propria versione di DVD, che si differenziava notevolmente dal formato sviluppato da Philips e Sony. Fu cominciata la discussione su quale formato utilizzare, perché ogni formato aveva le sue vantaggi e svantaggi.

La discussione continuò fino al maggio del 1995, quando un grande rapporto fu rilasciato dai maggiori produttori hardware e software (Apple, Compaq, Fujitsu, HP, IBM e Microsoft). Nel rapporto si diceva che due formati non saranno stati supportati dall'industria e che un singolo formato avrà avuto più vantaggi. Come risultato fu introdotto un mix di due formati e fu formato il DVD Forum da tutte le aziende partecipanti nel sviluppo di due formati originali (Matsushita, Mitsubishi, Pioneer, Philips, Hitachi, JVC, Sony, Thompson, Toshiba e Time Warner).

Nel 1996, furono finalizzate le specifiche per DVD-ROM e DVD-Video e i primi lettori DVD furono messi in commercio. Un anno dopo, il DVD Forum redasse le specifiche per il primo formato DVD-R per i DVD registrabili. Nel novembre del 1997, Pioneer introdusse il primo masterizzatore DVD-R, mentre Matsushita e Toshiba rilasciarono i primi masterizzatori DVD-RAM.

Nel corso del 1998, una nuova coalizione fu formata per formalizzare dei dischi riscrivibili per l'immagazzinamento di dati. Inizialmente questo formato fu denominato DVD+RW però non fu autorizzato l'uso del logo DVD. Il DVD Forum definì che esso non poteva essere usato nella branca della tecnologia. Mentre le tecnologie tra due formati sono simili, le regole di licenza dettano le differenze, alcune di quale sono relative all'uso del logo sui dispositivi e supporti.

Come disco compatto, il disco DVD ha una struttura a spirale. I dati sono memorizzati nei blocchi (settori) partendo dal centro ai bordi esterni del disco. La dimensione di ogni settore è 2048 byte, esso rende meno complicato il formato.

Le tipologie di DVD si differenziano per la loro capacità e per il tipo medio.

[Torna all'inizio]


Le tepologie principali di DVD che si differenziano per la loro capacità sono le seguenti:

Tipologie disco DVD Primo lato Secondo lato Capacità totale
Primo lato, capacità Secondo lato, capacità Primo strato, capacità Secondo strato, capacità
DVD-5 4.7 Gb - - - 4.7 Gb
DVD-9 4.3 Gb 4.3 Gb - - 8.6 Gb
DVD-10 4.7 Gb - 4.7 Gb - 9.4 Gb
DVD-14 4.3 Gb 4.3 Gb 4.7 Gb - 13.3 Gb
DVD-18 4.3 Gb 4.3 Gb 4.3 Gb 4.3 Gb 17.2 Gb

DVD-5 - lato unico, singolo strato (la capacità disco è quasi 4.7 Gb, i dati sono incisi su un lato con un singolo strato);

DVD-9 - lato unico, doppio strato (la capacità disco è quasi 8.6 Gb, i dati sono incisi su un lato con doppio strato con una capacità di 4.3 Gb ciascuno);

DVD-10 - due lati, singolo strato su due lati (la capacità disco è quasi 9.4 Gb, il disco viene inciso da due lati con un singolo strato di una capacità 4.7 Gb ciascuno);

DVD-14 - due lati, doppio strato su un lato e singolo strato sull'altro (la capacità disco è quasi 13.3 Gb, il disco viene inciso da due lati, un tale disco contiene due strati con una capacità di 4.3 Gb ciascuno su un lato e un singolo strato di una capacità 4.7 Gb sull'altro);

DVD-18 - doppio strato su due lati (la capacità disco è quasi 17.2 Gb, il disco viene inciso da due lati con doppio strato ciascuno, la capacità di ciascuno strato è 4.3 Gb).

Nota!Nota: la capacità DVD è misurata in cosiddetti gigabyte decimali (un gigabyte è pari a 1000). La dimensione reale di un disco DVD è minore se lo misurate in cosiddetti gigabyte del computer o gibibyte (un gigabyte è pari a 1024 megabyte).

[Torna all'inizio]


Il disco medio può essere:

DVD-ROM (sola lettura, produzione industriale)

E' un DVD prodotto per stampa con appositi macchinari industriali. Le specifiche DVD della versione 1.0 furono pronunciate nel 1995 e finalizzate nel settembre del 1996. Inizialmente "DVD" era un'acronimo per un "digital video disc" (disco video digitale); secondo alcuni membri del DVD Forum esso devono essere un "digital versatile disc" (disco versatile digitale), per indicare il suo potenziale per le applicazioni non-video. Toshiba si attiene all'interpretazione del "digital versatile disc". Il DVD Forum non ha mai raggiunto l'accordo, e oggi il nome ufficiale del formato è semplicemente "DVD"; "ufficialmente" le lettere non significano niente.

DVD-R (R = Recordable)

Un DVD-Recordable o DVD-R è un supporto ottico con una capacità superiore a quella di un CD-R, tipicamente 4.7 GB invece di 700 Mb, mentre la capacità di uno standard originale era 3.95 Gb. Il formato DVD-R fu sviluppato da Pioneer nell'ottobre del 1997. Questo formato è supportato dalla maggior parte dei lettori DVD, ed è accettato dal DVD Forum. Un disco DVD-R può essere scrivibile una sola volta.

DVD-RW (RW = ReWritable)

Un DVD-RW è un supporto ottico riscrivibile con la stessa capacità di un DVD-R, tipicamente 4.7 GB. Questo formato fu sviluppato da Pioneer nel novembre del 1999 e fu approvato dal DVD Forum. A differenza del DVD-RAM, questo formato è riprodotto da quasi 75% dei lettori DVD comuni. Il vantaggio principale del DVD-RW è la possibilità di cancellare e riscrivere un disco DVD-RW. Secondo Pioneer, un disco DVD-RW può essere riscrivibile quasi 1,000 volte, esso lo rende comparabile con lo standard CD-RW. I dischi DVD-RW sono di solito usati per l'immagazzinamento di dati, come backup o collezioni di file. Sono anche utilizzati per le registrazioni DVD video.

DVD-R DL (double layer)

Un DVD-R DL (doppio strato) (conosciuto anche come DVD-R9) è formato derivato dello standard DVD-R. Il DVD-R DL utilizza due strati per archiviare i dati rispetto ai DVD tradizionali raddoppiandone così di fatto le capacità da 4,7 GB a 8,55 GB. I dischi possono essere letti da moltissimi lettori DVD (le unità vecchie sono meno compatibili) e possono essere scritti solo dai masterizzatori DVD±RW DL.

DVD+R (R = Recordable)

Un DVD+R è un supporto scrivibile con capacità di 4.7 GB. Questo formato fu sviluppato dalla coalizione conosciuta come DVD+RW Alliance, nel 2002. Dal momento della sua nascita il DVD+R fu in competizione col formato DVD-R sviluppato dal DVD Forum, esso non fu approvato dal DVD Forum. Il DVD Forum insista che il formato DVD+R non è il formato DVD ufficiale. Il formato DVD+R è un divergente dal formato DVD-R. I masterizzatori che supportano tutti i due, spesso marcati "DVD±RW", sono molto popolari perché non esiste già uno standard unico dei DVD registrabili. Ci sono molte differenze tecniche significative tra i formati, però gli utenti non notano le differenze, il formato plus è considerato meglio finalizzato.

DVD+RW (RW = ReWritable)

Un DVD+RW è un supporto ottico riscrivibile con la stessa capacità di un DVD+R, tipicamente 4.7 GB (interpretato come 4.7 · 109, attualmente 2295104 settori di 2048 byte ciascuno). Il formato fu sviluppato dalla coalizione, conosciuta come DVD+RW Alliance, nel 1997, lo standard fu abbandonato fino al 2001, quando esso fu rivisto e la sua capacità fu aumentata da 2.8 GB a 4.7 GB. Lo sviluppo dello standard è molto stesso attribuito a Philips, uno dei membri della DVD+RW Alliance. Nonostante che il DVD+RW non sia approvato dal DVD Forum, il formato è molto popolare, i dischi DVD+RW sono letti da 3/4 dei lettori DVD di oggi. A differenza del formato DVD-RW, DVD+RW fu finalizzato prima di uno standard DVD+R.

DVD+R DL (double layer)

Un DVD+R DL (Double Layer), conosciuto anche come DVD+R9, è formato derivato dello standard DVD+R creato dalla DVD+RW Alliance. Fu presentato per la prima volta nell'ottobre del 2003. Il DVD+R DL utilizza due strati per archiviare i dati rispetto ai DVD tradizionali raddoppiandone così di fatto le capacità da 4,7 GB a 8,55 8.55 GB. I dischi possono essere letti da molti lettori DVD (le unità vecchie sono meno compatibili) e possono essere creati con i masterizzatori DVD+RW DL e Super Multi. Gli ultimi masterizzatori DL scrivono i dischi a doppio strato a velocità più bassa (2.4x a 8x) che i supporti a un singolo strato (8x-16x). Il disco riscrivibile a doppio strato conosciuto come DVD+RW DL è anche in elaborazione però può essere incompatibile con i masterizzatori DVD esistenti.

DVD-RAM (random access rewritable)

Un DVD-RAM (DVD–Random Access Memory) è un supporto presentato nel 1996 dal DVD Forum. I supporti DVD-RAM sono usati nei computer e nei camcorder e nelle registratori video personali sin 1998. Potete identificare un disco DVD-RAM grazie a molti piccoli rettangoli distribuiti sulla superficie. Comparato ad altri DVD riscrivibili, il DVD-RAM è più vicino alla tecnologia del disco rigido, dal momento che è composto di tracce concentriche anziché da una lunga traccia a spirale. Al contrario degli altri standard DVD+R, DVD-R, DVD+RW e DVD-RW, non è necessario possedere un particolare software di masterizzazione installato nel computer per leggere e scrivere su DVD-RAM. Potete accedere a un DVD-RAM come a un floppy o disco rigido. Il DVD-RAM è il più adatto per i backup e per l'uso in videocamere DVD±RW. I vantaggi dei dischi DVD-RAM sono i seguenti: lunga durata per almeno 30 anni e possono essere scritti più di 100,000 volte, e anche il fatto che non è richiesto alcun particolare software di masterizzazione DVD nel computer i dischi possono essere utilizzati come una comune unità rimovibile.

[Torna all'inizio]


Dischi Blu-Ray

Un disco Blu-ray (bd) è un supporto ottico di nuova generazione finalizzato per la memorizzazione dei video ad alta definizione e dei dati ad alta densità. Lo standard Blu-ray fu sviluppato da un gruppo delle maggiori aziende chiamato Blu-ray Disc Association (bdA), guidata da Sony e Philips. Un disco Blu-ray ha una capacità di 25 gigabyte per ciascuno strato.

Il nome del supporto Blu-ray viene dal laser a luce "blu" (dal punto di vista tecnico blu-violetto) con bassa lunghezza dell'onda (405 nm) che permette di memorizzare più dati rispetto ai DVD, che hanno le stesse dimensioni fisiche però utilizzano la lunghezza dell'onda più grande (650 nm) del laser rosso.

bd-R (R = Recordable)

Un disco Blu-ray a singolo strato (bd) può contenere 23.3, 25, o 27 GB di dati; questo è sufficiente per quasi quattro ore di video ad alta definizione con audio. Un bd a doppio strato può contenere 46.6, 50, o 54 GB di dati, sufficiente per quasi otto ore di video HD. Le capacità di 100 GB e 200 GB, per quattro e otto strati rispettivamente, sono previste nell'immediato futuro; TDK ha già annunciato un disco di 100 GB a quattro strato.

bd-RE (RE = REwritable)

Uno standard bd-RE (riscrivibile) è disponibile, insieme con i formati bd-R (registrabile) e bd-ROM, disponibile nel 2004, come parte della versione 2.0 delle specifiche Blu-ray. Il supporto bd-ROM preregistrato fu presentato all'inizio del 2006.

Oltre ai dischi di 12 cm, un supporto di 8 cm con capacità di 15 GB per l'uso in videocamere è al lavoro.

Per assicurare l'estensione del formato Blu-ray esso include anche il supporto per dischi con molti strati, che permette di aumentare la capacità di memorizzazione fino a 100GB/200GB (25GB per ciascuno strato) nel futuro aggiungendo più strati ai dischi.

I masterizzatori Blu-ray che sono attualmente nella produzione possono trasferire quasi 36 Mbit/s (54 Mbit/s per bd-ROM), però i prototipi a velocità 2x con la frequenza di trasferimento 72 Mbit/s sono in sviluppo. Le velocità 8x o più sono pianificate per il futuro.

Lo standard Blu-ray memorizza i dati molto vicino alla superficie del disco, i primi dischi furono soggetti ai graffi e furono messi nelle custodie plastiche per la protezione. La soluzione a questo problema fu trovata nel gennaio del 2004 con l'introduzione di un polimero trasparente. Il polimero offre ai dischi Blu-ray una resistenza inedita ai graffi. Lo strato protettivo antigraffio, applicato da TDK Corporation sotto il nome "Durabis," permette ai bd di essere puliti solo con un tessuto - una procedura che può danneggiare CD, DVD. I dischi trattati con questa resina speciale possono resistere all'attacco di una spugna in lana di acciaio.

[Torna all'inizio]

Preghiamo di notare che i programmi AVS4YOU non consentono di copiare dati protetti. Puoi utilizzare questo software per copiare materiale del quale possiedi i diritti di autore o del quale hai ricevuto il permesso di copiare dal proprietario.

AVS4YOU è un marchio registrato di Online Media Technologies, Ltd., UK. Intel e Core 2 Duo sono i marchi registrati di Intel Corporation. AMD e Athlon X2 sono i marchi registrati di Advanced Micro Devices, Inc. Windows 10/8.1/8/7/XP/2003/Vista sono i marchi registrati di Microsoft Corporation. Tutti gli altri marchi sono di proprietà dei rispettivi produttori.